Anonim

L'altro giorno ho tirato fuori un vecchio libro di cucina di famiglia e ho scoperto diverse note appiccicose scritte a mano sparse nei margini. Queste note - scritte da me o da mia moglie o dai nostri parenti - includevano variazioni nei tempi di cottura (viviamo a un'altitudine elevata in Colorado, dove i tempi di cottura variano), sostituzioni di ingredienti (la salsa di mele può sostituire lo zucchero nei brownies?) E altri modifiche.

I ricettari di famiglia sono un esempio di annotazione sociale, una pratica di notazione collaborativa che sembra fatta su misura per gli spazi digitali anche se è piuttosto vecchia. Di recente ho parlato con Jeremiah (Remi) Kalir, un assistente professore all'Università del Colorado, Denver, sull'annotazione digitale e web. Kalir è stato coautore di un prossimo libro su questo argomento chiamato Annotation con Antero Garcia, un assistente professore alla Stanford University.

Come racconta il libro, l'annotazione è una pratica secolare. Ad esempio, le immagini decorative chiamate drolleries sono state aggiunte ai margini dei testi medievali come commenti visivi sui temi del testo. "Antero e io sosteniamo che l'annotazione è stata una pratica sociale e collaborativa per oltre un millennio", mi ha detto Kalir.

L'annotazione sociale oggi rappresenta un cambiamento di paradigma rispetto ai modi tradizionali in cui studenti ed educatori hanno interagito con i testi. Il vecchio paradigma continua nei forum di discussione online comuni nei corsi di istruzione superiore e sempre più diffusi nelle classi delle scuole medie e superiori. Ma leggere un passaggio e quindi rispondere a un prompt in Canvas o Google Classroom può sembrare non autentico: Kalir descrive questa attività come: “Fai la lettura, poi metti da parte la lettura, quindi vai al forum di discussione e rispondi alla lettura “.

Strumenti basati sul Web per l'annotazione

Esistono molti strumenti per le annotazioni social digitali e web, tra cui Ipotesi, NowComment, Perusal e Diigo.

Esiste una fiorente comunità di educatori, designer, tecnologi e ricercatori che utilizzano Ipotesi, uno strumento gratuito e open source. Disponibile come estensione del browser Google Chrome, consente agli utenti di annotare pubblicamente e puoi creare "stanze" private per gli studenti.

Annotare direttamente su un testo crea ciò che gli studiosi definiscono un "contesto ancorato alla conversazione". In altre parole, la discussione è letteralmente ancorata al materiale di partenza. Se uno studente è alle prese con il vocabolario, può indagare direttamente nel testo stesso. Gli studenti possono anche migliorare i testi condividendo connessioni personali. Le annotazioni in Ipotesi includono note adesive ed evidenziazioni, nonché opzioni uniche per il digitale, come commentare usando immagini,.gif" alt="Image" />

In classe, Kalir consiglia di "seminare il testo", aggiungendo i propri argomenti di conversazione per modellare agli studenti come dovrebbero avvenire conversazioni secondarie annotative. “Alcune persone considerano il markup dei libri come un atto d'amore. Voglio che i miei studenti vedano alcune annotazioni quando aprono un testo per la prima volta. "

Quando sta annotando, Kalir pone domande aperte. “Chiedi agli studenti di identificare le aree a cui reagiscono in modo affettivo o emotivo con forza ….. Con strumenti di annotazione come Ipotesi, gli studenti possono creare connessioni testo-testo e testo-mondo, i percorsi associativi che gli studiosi hanno scritto da decenni. "

Per saperne di più sull'ipotesi, dai un'occhiata al corso digitale gratuito KQED per educatori.

Un Geeky Book Club per educatori

Il progetto del programma marginale è una partnership con il Consiglio nazionale degli insegnanti di inglese (NCTE) e il National Writing Project (NWP). Kalir ha iniziato il progetto con Joe Dillon, un insegnante di liceo ad Aurora, in Colorado. L'idea era che gli insegnanti leggessero e commentassero, usando l'ipotesi, articoli riguardanti la tecnicità (equità tecnologica). Christina Cantrill di NWP ha spiegato che il distretto scolastico Aurora “stava attraversando un aggiornamento tecnologico e voleva mantenere l'equità al centro. [Il Syllabus marginale] è stato istituito come un "club di libri geek". "

Il Syllabus marginale è una collaborazione sociale tra educatori, che annotano testi su questioni che riguardano le persone che sono loro emarginate. "È sicuramente una relazione di partnership, e talvolta porta ad autori che si impegnano anche nelle conversazioni partecipative, annotando sui propri testi", ha detto Cantrill.

Lettura sociale nella scuola media e superiore

NWP promuove la lettura sociale tra gli studenti delle scuole medie e superiori attraverso NowComment, uno strumento simile all'ipotesi. Gli insegnanti caricano i contenuti sul sito Web e gli studenti li annotano socialmente. NowComment è stato selezionato dall'American Association of School Librarians (AASL) come uno dei migliori siti Web del 2019 per l'insegnamento e l'apprendimento.